Sulle tracce di Pan
2019



Il libro
Dove dimora oggi il sacro? Attraverso quali forme si manifesta nel paesaggio contemporaneo?
Attraverso l’esplorazione fotografica dei paesaggi e delle architetture dell’Italia e dell’Europa meridionale e mediterranea, Sulle tracce di Pan va alla ricerca degli indizi di una sacralità diffusa e silenziosamente presente nei luoghi dell’oggi.
Il sacro viene scrutato attraverso sette possibili declinazioni che si avvicendano seguendo una struttura circolare e ci raccontano altrettante qualità delle sue manifestazioni - Affioramenti, Oggetti misteriosi, Recinti, Hýbris, Santuari, Rituali, Status Naturae -, indagate attraverso i testi di autori che appartengono ad ambiti disciplinari diversi, dalla geografia alla letteratura di paesaggio e alla storia del giardino, dalla critica e storia dell’arte, della fotografia e dell’architettura alla filosofia, dando vita a un singolare colloquio con il racconto visivo, nel segno di una pluralità di interpretazioni a cui il sacro e lo stesso viaggio per immagini rinviano.

Sulle tracce di Pan va alla ricerca di una possibile e mai ovvia armonia con la natura, invitandoci a riflettere e ad aver cura di quel paesaggio violato che attraversiamo ogni giorno nella nostra esistenza di abitanti metropolitani. Ciascun luogo, anche il più insignificante, può tornare ad essere oggetto di meraviglia e devozione, può essere abitato dal sacro, forza che sola lo può sottrarre alla cancellazione.
Sulle tracce di Pan ci invita a rivolgere uno sguardo ispirato e partecipe alla realtà. Una realtà organica e vivente che si carica della fascinazione che i luoghi consacrati dal mito possono diffondere anche nei paesaggi del nostro quotidiano, nel segno di una concezione del mondo, e della vita, in cui tutto è in relazione.



Fotografie di
Davide Pagliarini

Saggi di
Francesco Bevilacqua
Franco Farinelli
Marco Martella
Davide Pagliarini
Massimiliano Savorra
Antonella Tarpino
Luciano Valle
Roberta Valtorta
Massimo Venturi Ferriolo
Maurizio Vitta

A cura di
Michela Bassanelli

Architetture di
Leandre Albareda i Serrallach
Sandro Angelini
Walter Barbero
Giandomenico Belotti
René-Félix Berger
Alziro Bergonzo
Ricardo Bofill i Levi
Lanfranco Bombelli
Decimus Burton
José Antonio Coderch de Sentmenat
Bruno Collavo
Guido Drocco
Antonio Fernandez Alba
Antonio Fornaroli
Roberto Gabetti
Giuseppe Gambirasio
Edoardo Gellner
Luigi Ghidini
Giovanni Greppi
Peter Grahan Harnden
Aris Kostantinidis
J. A. Martínez Lapeña
Filippo Monti
Guglielmo Mozzoni
Giovanni Muzio
Aimaro Oreglia d’Isola
Ernesto Pirovano
Gio Ponti
Luciano Re
Alberto Rosselli
Federico Rota
Carlo Scarpa
Giovanni Battista Schellino
Álvaro Siza Vieira
Elias Torres
Andrea Tosi
Richard Turner
Manuel Valls Vergés
Gordon Wilson
Giorgio Zenoni
 


   

  Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, copertina del volume.  


  ISBN
978-88-6764-170-3

Lingua
Italiano

Collana
Di paesaggio

Formato
240x200mm

Pagine
248, a colori

Illustrazioni
155 fotografie a colori

Carte
4 tipologie di carte offset 135-300gr/mq; colori: verde, giallo, grigio, bianco.

Legatura
Filo refe

Soggetto
Fotografia, Architettura, Paesaggio
 


  Sommario
Interno di copertina / Lemmario
Abitare il sacro / Michela Bassanelli
Sulle tracce di Pan / Davide Pagliarini
1 / Affioramenti / Franco Farinelli
2 / Oggetti misteriosi / Francesco Bevilacqua
3 / Recinti / Maurizio Vitta
4 / Hýbris / Massimilano Savorra
5 / Santuari / Marco Martella
6 / Rituali / Antonella Tarpino
7 / Status naturae / Luciano Valle
Il sacro nel tempo senza dio / Davide Pagliarini
Atlante dei luoghi
Mysterium tremendum et fascinans / Massimo Venturi Ferriolo
Infedeltà della fotografia / Conversazione con Roberta Valtorta
Cronologia delle fotografie
Indice dei progettisti e delle architetture
Note biografiche
Ringraziamenti
Colophon  
 


  Biografie degli autori

Michela Bassanelli è architetto e dottore di ricerca in architettura degli interni e allestimento. Da diversi anni si occupa di progetti che riguardano l’architettura, il design e l’arte in modo trasversale, collaborando con università, centri di ricerca e gallerie d’arte. È autrice di Oltre il memoriale. Le tracce, lo spazio, il ricordo (Mimesis, 2015) e Nestorio Sacchi Architetto (Lubrina, 2018). Ha curato diverse pubblicazioni tra le quali citiamo: Re-enacting the past. Museography for conflict heritage (Letteraventidue, 2013), The Atlantikwall as Military Archaeological Landscape (Letteraventidue, 2011) e Guida all’architettura di Bergamo (Letteraventidue, 2018).

Francesco Bevilacqua è avvocato di professione, trekker, scrittore, giornalista e fotografo, naturalista per passione. È attivo nel volontariato ambientalista con le maggiori associazioni del settore (W.W.F., Italia Nostra, C.A.I., F.A.I.). Ama definirsi “cercatore di luoghi perduti”. Tra i suoi libri: Genius Loci. Il dio dei luoghi perduti (Rubbettino, 2010), Elogio dello stupore (Rubbettino, 2001).

Franco Farinelli è professore ordinario di Discipline della Comunicazione presso l’Università di Bologna, e presiede il corso di laurea magistrale in Geografia e Processi Territoriali dello stesso ateneo. Ha insegnato per anni presso le università di Ginevra, Los Angeles, Berkeley e Parigi. Tra i suoi libri: Pour une théorie générale de la géographie (Dip. Geografia Ginevra,1988); I segni del mondo. Discorso geografico ed immagine cartografica in età moderna (La Nuova Italia, 1992); Geografia. Un’introduzione ai modelli del mondo (Einaudi, 2003), L’invenzione della terra (Sellerio, 2007), La crisi della ragione cartografica (Einaudi, 2009).

Marco Martella è storico dei giardini e responsabile della valorizzazione del verde storico del Département des Hauts-de-Seine, in Francia. Nel 2009 ha creato la rivista Jardins (Editions du Sandre), una pubblicazione annuale che si propone di esplorare la dimensione poetica e filosofica del giardino. Tra i suoi libri: Le jardin perdu (Actes Sud, 2011); Jardins en temps de guerre (Actes Sud, 2014); Tornare al giardino (Ponte alle Grazie, 2016).

Davide Pagliarini è architetto, fotografo e grafico. È direttore scientifico della rivista di architettura e paesaggio Ark. Laureato presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, dove è stato docente di progettazione architettonica dal 2008 al 2011, inizia a fotografare nel 1994, compiendo ricerche nei paesi dell’Europa e del Mediterraneo orientate da un interesse per l’ambiente e i territori in trasformazione. Dal 1999 realizza progetti di architettura, fotografia e comunicazione visiva, ricevendo premi a concorsi nazionali e internazionali. Tra i suoi libri: Il paesaggio invisibile. Dispositivi minimi di neo-colonizzazione (Librìa, 2008) e La città paesaggio (Librìa, 2016).

Massimilano Savorra è professore associato di Storia dell’architettura presso l’Università del Molise. Fa parte del Comitato direttivo dell’Associazione italiana di storia urbana. Tra i suoi libri: Enrico Agostino Griffini. La casa, il monumento, la città (Electa, 2000); Storia visiva dell’architettura italiana 1400-1700 (Electa, 2006); Storia visiva dell’architettura italiana 1700-2000 (Electa, 2007); Enrico Agostino Griffini 1887-1952. Inventario analitico dell’archivio (Il Poligrafo, 2007); Capolavori Brevi. Luciano Baldessari, la Breda e la Fiera di Milano (Electa, 2008).

Antonella Tarpino, storica di formazione, è editor di saggistica per la casa editrice Einaudi di Torino (prima lo è stata per la Garzanti di Milano). Collabora con la Fondazione Nuto Revelli dedicata allo scrittore e partigiano piemontese e con la Rete del ritorno all’Italia in abbandono. Tra i suoi libri: Geografie della memoria. Case, rovine, oggetti quotidiani (Einaudi, 2008) e Spaesati. Luoghi dell’Italia in abbandono tra memoria e futuro (Einaudi, 2012).

Luciano Valle è filosofo, teologo e formatore, presidente del Centro di etica ambientale della Regione Lombardia e appassionato divulgatore di tutte quelle tematiche che insegnano a riconoscere tutto quanto ci lega profondamente all’ambiente circostante. Tra i suoi libri: Dall’ecologia all’ecosofia. Percorsi epistemici ed etici tra Oriente e Occidente, tra scienza e saggezza (Ibis, 2011); L’etica ambientale in prospettiva ecosofica. Tra percorsi storici e strategie attuali (Ibis, 2005).

Roberta Valtorta, storico e critico della fotografia, vicepresidente della SISF (Società Italiana per lo Studio della Fotografia) e membro del comitato scientifico della rivista “RSF”, ha progettato il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo-Milano, assumendone la direzione scientifica dal 2004 al 2015. Dal 1984 insegna Storia dell’Arte e della Fotografia al Centro Bauer di Milano. Tra i suoi libri: Pagine di fotografia italiana 1900-1998 (Charta, 1998); Racconti dal paesaggio.1984-2004 A vent’anni da Viaggio in Italia (Lupetti, 2004); Il pensiero dei fotografi. Un percorso nella storia della fotografia dalle origini a oggi (Bruno Mondadori, 2008); Luogo e identità nella fotografia italiana contemporanea (Einaudi, 2013).

Massimo Venturi Ferriolo, filosofo, già ordinario di Estetica al Politecnico di Milano, è stato Visiting Professor e conferenziere in varie università europee e americane. Il tema del paesaggio tra etica ed estetica, fra teoria e progetto, è al centro dei suoi interessi didattici e scientifici. Tra i suoi libri: Etiche del paesaggio. Il progetto del mondo umano (Editori Riuniti, 2002); Percepire paesaggi. La potenza dello sguardo (Bollati Boringhieri, 2009); Paesaggi in movimento. Per un’estetica della trasformazione (Derive e Approdi, 2016); Oltre il giardino. Filosofia di paesaggio (Einaudi, 2019).

Maurizio Vitta è autore di numerosi articoli, saggi e libri sull’arte, la letteratura, l’architettura, la comunicazione visiva e il disegno industriale, argomenti cui ha dedicato anche molti anni di insegnamento presso il Politecnico di Milano, l’Accademia di Brera, la Naba di Milano e l’Isia di Urbino. Tra le sue pubblicazioni: Il disegno delle cose (Liguori, 1996), Il sistema delle immagini (Liguori, 1999), Il progetto della bellezza (Einaudi, 2001 e 2011, in un’edizione ampliata), Il paesaggio (Einaudi, 2005), Dell’abitare. Corpi spazi oggetti immagini (Einaudi, 2008), Il rifiuto degli dèi (Einaudi, 2012) e Le voci delle cose (Einaudi, 2016).

 



  Cartella stampa
 


 

  Comunicato stampa
Volume "Sulle tracce di Pan", Librìa editore, 2019.
 


  Rassegna stampa
 


 

  Un viaggio attraverso l'Europa meridionale sulle tracce di Pan
Domusweb, 30 agosto 2019
A cura di Giulia Ricci
 

 

  Sulle tracce di Pan
Casabellaweb, 30 agosto 2019
 

 

  Il sacro nella natura dei paesi mediterranei
L'Eco di Bergamo, 30 agosto 2019, p. 42
A cura di Raffaella Ferrari
 

 

  Mediterraneo sacro in foto
La Provincia di Lecco, 24 giugno 2019, pp. 36-37.
A cura di Gianfranco Colombo
 

 

  Il Mediterraneo sacro negli scatti di Davide Pagliarini
Il Flaneur, 18 giugno 2019
A cura di Valentina Sala
 



   


   


   


   


   


   


   


   

  Davide Pagliarini
Piscina municipale de Marés
Leça da Palmeira, Matosinhos, Portogallo, 1961-66
Architetto Álvaro Siza Vieira
Giugno 2011
Dal volume Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, p. 25
 




   




   

  Davide Pagliarini
Canale di Corinto
Grecia
Agosto 2018
Tratta dal volume Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, p. 27.
 




   

  Davide Pagliarini
Chiesa di San Pietro di Tenda
Corsica, Francia
Luglio 2017
Tratta dal volume Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, p. 165
 




   


   


   


   


   


   




   

  Davide Pagliarini
Abitazioni sociali per la Cooperativa operaria ‘La Maquinista’
Barcellona, 1951-53
Architetto José Antonio Coderch de Sentmenat
Giugno 2017
Tratta dal volume Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, p. 116
 




   

  Davide Pagliarini
Tomba monumentale Brion
Cimitero di San Vito di Altivole, Italia, 1969-78
Architetto Carlo Scarpa
Gennaio 2016
Tratta dal volume Sulle tracce di Pan, Librìa, 2019, p. 182
 




   


   



   


   


   


   

  new landscapes, 2019